Cerca nel sito
Ordinamento e Deontologia

Contributo unificato per l’iscrizione a ruolo delle cause in materia di lavoro, previdenza e assistenza obbligatorie

Dal 7 luglio 2011, eccetto che per i soggetti titolari di reddito non superiore al triplo dell’importo previsto dall’art. 76 D.P.R. 115/2002 (cioè, € 31.884,48.=), i quali dovranno comunque allegare dichiarazione sostitutiva di certificazione della situazione reddituale ed economica, per le cause di lavoro, previdenza e assistenza obbligatorie è previsto il contributo unificato per la spese di giustizia nei seguenti importi:

Cause di previdenza e assistenza obbligatorie

€ 37 ,00.=

Cause di lavoro e pubblico impiego — cautelari ante causa e in corso di causa — decreti ingiuntivi — accertamento tecnico preventivo, secondo il valore del procedimento

 

Fino a € 1.100,00.=

€ 18,50 .=

Da € 1.101,00.= a € 5.200,00.=

€ 42,50 .=

Da € 5.201,00.= a € 26.000,00.=

€ 103,00 .=

Da 20.001,00.= a € 52.000,00.= e cause di valore indeterminabile

€ 225,00 .=

Da € 52.001,00.= a € 260.000,00.=

€ 330,00.=

Da € 260.001,00.= a € 520.000,00.=

€ 528,00.=

Oltre € 520.000,00.=

€ 733,00 .=

Reclami avverso provvedimenti cautelari

€ 85,00 .=

Il contributo è raddoppiato se il difensore omette di indicare l’indirizzo di posta elettronica certificata e il numero di fax e se la parte omette il proprio Codice Fiscale nell’atto introduttivo (art 13, comma 3-bis, D.P.R. 115/2002).